Zalone batte anche se stesso con Tolo Tolo

Gli incassi del primo giorno sono stati da record, superando 8,6 milioni in una sola giornata. Nessuno ci era mai riuscito prima.
Così, Checco Zalone si gusta l’ennesimo successo di pubblico che gli riconosce a tutti gli effetti la posizione più alta nell’olimpo del cinema italiano.
E’ l’uomo della semplicità, del saper vedere la vita di tutti i giorni e trasportarla sul grande schermo con una genialità disarmante.
Le cose più semplici le trasforma in piccoli capolavori cinematografici. Racconta le storie con i nostri stessi occhi e lascia che noi possiamo sentirci parte in causa nei suoi film.
Noi siamo Checco Zalone, come quando ci sentivamo Fantozzi in alcuni passaggi dei film di Paolo Villaggio.
Questo significa saper identificare un racconto cinematografico con una realtà ovviamente esasperata ma terribilmente vera.
Inutile dire che Tolo Tolo é un film da vedere perché lo hanno capito tutti anche coloro che non amano Zalone etichettandosi “superiori” al suo modo di dialogare e di interpretare la vita. Ma coloro che nella vita si sentono superiori ad altri, spesso é perché non ci hanno capito nulla della vita stessa.