Vaccino antinfluenzale fantasma

editoriale italiano

Abbiamo passato tutto Giugno, Luglio e Agosto a sentirci martellare la testa con lo slogan: “fate il vaccino antinfluenzale tutti quest’anno, perché in previsione di una possibile seconda ondata di Covid-19, sarà più semplice gestire i casi e distinguere nella maggior parte delle situazioni se si tratterà di influenza o di coronavirus.”
Così molti di noi, ci hanno creduto, dando per scontato che siamo in Italia e non in Corea del Nord, dunque per quanto politicamente esposta l’informazione italiana quanto meno su questi argomenti dovrebbe semplicemente riportare la notizia, in questo caso su suggerimento del Ministero della Sanità.
Proprio per questo oggi, passata la metà di Novembre, con il gelo alle porte e la possibilità di ammalarsi più facilmente, proviamo disappunto e sconcerto nel constatare che ancora milioni di persone in Italia non trovano il vaccino.
Ma ancora più sconcertante é scoprire dai medici di famiglia che non vi sono previsioni di consegna e non si sa quando saranno disponibili le nuove dosi.
Una piccola quantità é stata distribuita, ma chiedendo a tutti di farlo quest’anno era scontato che in molti, anche se non proprio tutti, avrebbero raccolto l’invito.
Il sistema nazionale italiano é già fortemente sotto pressione, l’ultima cosa di cui ha bisogno tra la metà di dicembre e la fine di febbraio 2021 é di trovarsi a dover gestire anche casi di semplici influenze…