Home News dal Mondo Un vaccino contro il coronavirus entro la fine di Settembre

Un vaccino contro il coronavirus entro la fine di Settembre

Non si parla più di Febbraio 2021. Un vaccino contro il coronavirus potrebbe essere disponibile al pubblico entro la fine di Settembre 2020.
A dirlo una professoressa di Oxford, Sarah Gilbert, niente meno che professoressa di Vaccinologia in una delle università più famose al mondo.
La professoressa in questo periodo storico, causa emergenza virus, sta guidando una team di esperti e di ricercatori che stanno mettendo a punto un vaccino contro il Covid-19.
In una recente intervista la Professoressa Gilbert ha dichiarato che sono già arrivati ad avere un vaccino che sui test con gli animali ha dato risultati ottimali. Rimangono da iniziare i test sulle persone che cominceranno entro pochissimi giorni.
Il punto cardine é che la burocrazia e la distribuzione a livello mondiale richiederebbero almeno 18 mesi per metterlo a disposizione di tutti.
Ecco dunque che se nel frattempo in una delle zone dove non c’é il lockdown nel mondo, gli abitanti locali venissero contagiati in maniera naturale si potrebbe utilizzare il vaccino per salvarli e questo ridurrebbe il processo tra produzione e distribuzione di almeno 12 mesi, significherebbe che il vaccino potremmo averlo entro Settembre di questo stesso anno.
Ovvio ci potrebbero essere delle vittime che avremmo comunque qualora non vi fossero possibilità di intervento.
E’ una cruda e dura verifica sul campo, che in casi estremi potrebbe essere attuata, ed in effetti siamo di fronte ad un caso estremo.
Naturalmente una percentuale di errore esiste e se si vuole avere il vaccino distribuito entro la fine di Settembre non si possono aspettare i risultati dei test per metterlo in produzione, perché andrebbe fatto da subito.
Se invece si attendono almeno 60/90 giorni per collaudare il vaccino e valutarne effetti collaterali, si deve pensare di poterlo avere per la fine dell’anno 2020.
Forse questa sarebbe la soluzione più logica e razionale, a costo di sacrificarci con ulteriori restrizioni sino al vaccino.

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here