Strage di mamme e bambini in un ospedale di Kabul

editoriale italiano

Un gruppo di uomini armati hanno fatto irruzione nel reparto maternità di un ospedale di Kabul e si sarebbero messi a sparare all’impazzata su tutti.
Al momento le vittime accertate sono 11 tra mamme e infermiere. I bambini uccisi sono 2 ma ci sarebbero almeno 15 feriti, di cui alcuni gravi e soprattutto di cui alcuni neonati.
Sembra che i terroristi siano entrati vestiti da agenti di polizia per poi scatenare l’inferno una volta all’interno della struttura.
Non a caso nello stesso ospedale opera una sezione di MSF (Medicins Sans Frontieres) che conta molti stranieri al proprio interno.
Contemporaneamente in un’altra parte della città mentre era in pieno svolgimento un funerale di un agente di polizia é esploso un ordigno che ha ucciso 21 persone tra i partecipanti al funerale. Ovvia l’intenzione di distogliere l’attenzione dall’ospedale e limitare l’intervento delle forze dell’ordine mentre si compiva il massacro di mamme e bambini.
La situazione non é ancora sotto controllo. Sono intervenute le forze speciali e purtroppo il numero dei morti potrebbe aumentare vertiginosamente se non dovessero tornare ad avere il pieno controllo dell’ospedale al più presto.