in ,

Sputnik non ci sta alle parole dell’EMA

editoriale italiano

Christa Wirthumer-Hoche, il capo del consiglio di amministrazione dell’EMA, ha detto a un talk show sull’emittente austriaca ORF il 7 marzo di aver consigliato ai paesi dell’Unione Europea di non concedere allo Sputnik V un’autorizzazione di emergenza nazionale mentre l’EMA stava ancora esaminando la sicurezza e l’efficacia del vaccino russo.
“Chiediamo scuse pubbliche da Christa Wirthumer-Hoche dell’EMA per i suoi commenti negativi sugli stati dell’UE che approvano direttamente Sputnik V”, hanno scritto gli sviluppatori del vaccino sull’account Twitter ufficiale di Sputnik V.
“I suoi commenti sollevano seri interrogativi sulla possibile interferenza politica nella revisione in corso all’EMA”, hanno affermato.
Gli sviluppatori hanno aggiunto che il vaccino era già stato approvato da 46 paesi.
“Dopo aver posticipato di mesi la revisione dello Sputnik V, l’EMA non ha il diritto di minare la credibilità di altre 46 autorità di regolamentazione che hanno esaminato tutti i dati necessari”, hanno affermato gli sviluppatori di Sputnik V.
Sputnik V è già stato approvato o è in fase di valutazione per l’approvazione in tre Stati membri dell’UE: Ungheria, Slovacchia e Repubblica ceca. Funzionari dell’UE hanno affermato che Bruxelles potrebbe avviare negoziati con un produttore di vaccini se almeno quattro paesi membri lo richiedessero.

Written by Miriam Parodi

Leave a Reply

editoriale italiano

Malala Yousafzai firma contratto con Apple TV

editoriale italiano

I cani di Biden rimandati a casa