Questa é un’Atalanta da sballo

editoriale italiano

Se quella vista sino alla Final 8 di Lisbona ad Agosto poteva sembrare una squadra fantastica che forse trovava il suo unico difetto nell’esperienza, quella di oggi a soli 2 mesi di distanza é un’Atalanta straordinariamente bella e concreta.
La squadra di Gasperini ha imparato a dettare i ritmi e le cadenze di una partita di calcio. Ha fatto suo il controllo del gioco e soprattutto ha imparato ad attendere. Quello che in tv molti definiscono momento di calo, noi lo definiamo momento di attesa che fa credere all’avversario che non ne hai più, quando invece sei pronto ad asfaltarlo dopo poco.
La Lazio di ieri sera non ha demeritato così tanto, come l’1-4 racconta, ma comunque non si può dire che non vi sia differenza.
Perché la differenza c’é e si vede bene e questa Atalanta può davvero, a meno di cali drastici durante la stagione, ambire al traguardo più grande, il campionato.
Dunque giù il cappello per un’ennesima prova di calcio tradizionale, semplice e pulito che riempio gli occhi ed il cuore a guardarlo.
E con un Papu Gomez così, difficile non pensare all’impossibile. In molti si chiedono perché non giochi in una grande squadra… ma il Papu é già in una grande squadra!