in ,

Povera Juve

editoriale italiano

Povera Juventus. Povera in tutti i sensi. Da un punto di vista fisico, qualitativo e soprattutto mentale.
La Juventus vista ieri sera contro il Porto é la peggiore della stagione. Ma sbaglio o questa frase l’abbiamo già ripetuta diverse volte???
Dunque, conti alla mano a parte il rigore non dato da una Var che nessuno ha capito quando c’é e quando non c’é, la Juve non solo ha meritato di perdere, ma non può pensare di passare il turno di Champions in queste condizioni.
Ora, in molti parlano di ritmo da Europa che probabilmente in Italia ha solo l’Atalanta di Gasperini. Tanti altri parlano di mentalità sbagliata e questo si sposerebbe perfettamente con l’errore da giocatore di un centro ippico commesso da Bentancur al primo minuto di gioco.
Una cosa del genere la combini quando non entri proprio in campo e questo potrebbe essere il risultato di continuare ad esaltare i giocatori sudamericani sempre e comunque.
Come tutti gli sport anche il calcio richiede capacità specifiche. Ho hai la fortuna di nascere con un talento enorme oppure meglio che ti mantieni in quello che sai fare.
Avete presente Gattuso a giocare alla Pirlo? Questo é il senso. Chiedere a Bentancur di giocare come Arthur non va bene. Fare lo stesso con Kulusevski dando per scontato che può giocare da attaccante così come Morata, non va bene nemmeno questo.
Costringere a fare possesso palla al limite della propria area sta diventando la tendenza del momento, ma quanto era bello vincere le partire sapendo di dover talvolta, in base ai giocatori a disposizione, spazzare sempre e comunque almeno sino a metà campo.
Ecco perché la sconfitta della Juve di ieri sera per 2-1 in casa del porto fa male. Un conto é preparare una partita, un altro conto é farlo basandosi sui canoni del campionato italiano, perché ieri sera, con tutto il rispetto il Sassuolo o il Verona avrebbero asfaltato il Porto, con la giusta mentalità e la giusta voglia di correre, senza guardare il costo del cartellino dei giocatori e tanto meno il numero dei followers dei protagonisti in campo.
Ma soprattutto, non dimentichiamolo, il calcio é divertimento totale e la Juventus é tanto lontana dal divertire i suoi tifosi e per cortesia smettiamola di prendere a riferimento il campionato italiano.

Written by Paolo Rizzi

Leave a Reply

editoriale italiano

Draghi ottiene il consenso

editoriale italiano

Crimi, M5S: chi ha votato no alla fiducia sarà espulso