Novartis distribuirà farmaci in 79 paesi senza guadagnarci

editoriale italiano

La divisione Sandoz di Novartis non trarrà profitto da 15 farmaci generici che sta mettendo a disposizione dei paesi in via di sviluppo per curare i sintomi del COVID-19, ha detto giovedì il produttore svizzero.
Novartis ha dichiarato che fornirà medicinali che vanno dagli antibiotici, sino agli steroidi e alle pillole per la diarrea a 79 paesi dell’elenco della Banca mondiale delle nazioni a basso e medio-basso reddito.
Il produttore farmacologico con sede a Basilea ha in programma di rifornire a zero profitti fino alla fine della pandemia e alla comparsa di un vaccino o di una cura, ha dichiarato Lutz Hegemann, Chief Operating Officer di Novartis Global Health, in un’intervista.
I farmaci di marca Novartis hanno avuto scarsa applicazione nel trattamento del nuovo coronavirus, ma i generici di Sandoz sono tra i farmaci comunemente usati per trattare i sintomi di coloro che vengono ospedalizzati.
L’elenco comprende antibiotici amoxicillina, ceftriaxone, claritromicina, vancomicina e levofloxacina, dobutamina, farmaco per insufficienza cardiaca, fluidificante del sangue eparina, farmaco anti-diarrea.