New Orleans dichiara stato di emergenza per attacco informatico

editoriale italiano

Se ne sono accordi in ritardo e soprattutto non hanno saputo fronteggiare il massiccio attacco informatico alla città di New Orleans. Non si contano più le segnalazioni, ormai attraverso la rete gli hackers si sono infiltrati anche nei palazzi pubblici e negli uffici governativi.
La città ha chiesto lo stato di emergenza assoluta.
Tra il pubblico ed il privato sono migliaia le persone o gli uffici la cui privacy é stata violata.
Sul posto é già intervenuto il reparto informatico del FBI ed i servizi segreti stanno cercando di indagare da dove é partito l’attacco.
In questo momento la situazione sembra sia stata contenuta e stia per tornare sotto controllo. Le autorità hanno invitato tutti quanti a tenere spenti i computers o accessori che permettono la connessione per diverse ore.
L’origine é difficile identificarla in poco tempo, si tratterebbe comunque di un attacco su vasta scala gestito facendo rimbalzare il segnale attraverso servers sparsi in tutto il mondo. Ci vorranno molti giorni per capire da dove é partito tutto.