Navalny dimesso dall’ospedale

editoriale italiano

Il politico dell’opposizione russo Alexey Navalny è stato dimesso dall’ospedale dopo il suo avvelenamento quasi fatale e potrebbe potenzialmente riprendersi completamente, secondo l’ospedale tedesco che lo cura dal mese scorso.
Navalny si ammalò gravemente durante un volo dalla città siberiana di Tomsk a Mosca il 20 agosto. Fu inizialmente ricoverato nella città di Omsk, prima di essere trasportato in aereo all’ospedale Charité di Berlino due giorni dopo.
Navalny chiede indietro i suoi vestiti dalla Russia, dicendo che sono ‘prove vitali’.
“Le condizioni del paziente sono migliorate a sufficienza da consentirgli di essere dimesso da cure ospedaliere acute”, si legge in un comunicato dell’ospedale Charité di Berlino.
“Alexey Navalny ha ricevuto cure presso la Charité per un totale di 32 giorni, di cui 24 giorni in terapia intensiva”.
“Sulla base dei progressi del paziente e delle condizioni attuali, i medici curanti ritengono che sia possibile un completo recupero.
Tuttavia, è ancora troppo presto per valutare i potenziali effetti a lungo termine del suo grave avvelenamento”.
Il governo tedesco ha detto che l’oppositore del Cremlino è stato avvelenato con un agente chimico del gruppo Novichok dell’era sovietica, una conclusione supportata da altri due laboratori in Francia e Svezia.
Il Cremlino ha fermamente negato qualsiasi coinvolgimento, ma rimangono molteplici domande.
Il Novichok è stato anche utilizzato in un attacco del marzo 2018 contro l’ex spia russa Sergei Skripal nella città inglese di Salisbury e diversi dissidenti russi sono stati avvelenati in passato con lo stesso prodotto chimico.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here