Mauro Icardi messo in dicussione dall’Inter

0
4
editoriale italiano

Si tratta di uno dei giocatori più talentuosi in assoluto. Probabilmente di uno degli attaccanti più forti al mondo.
Ma alla fine, come é sempre stato, al talento va abbinata capacità gestionale, intelligenza imprenditoriale e management che ogni giocatore moderno deve dimostrare di avere, o almeno di saper pagare qualcuno che ne abbia.
L’Inter é un’azienda internazionale con azionisti in tutti il mondo.
Non può lasciare in mano il suo stesso management ad un solo giocatore e tanto meno al procuratore del giocatore stesso.
Ci sono cose che ancora oggi non vanno scritte sui socials, ma vanno condivise solo con i professionisti che ci lavorano attorno. Non possiamo e non dobbiamo condividere tutto.
Anzi é banale e infantile usare i socials per comunicare, di certo non é un comportamento da manager che dimostra preparazione in materia.
Tutti vorrebbero comprare Icardi oggi stesso, ma nessuno dei top clubs interessati permetterebbe mai alla moglie/procuratore di gestire il futuro del loro stesso club e questo potrebbe essere un grosso limite per il futuro di Mauro Icardi.
L’errore é stato il lasciarlo fare in passato sino a ieri e senza mai intervenire.
Dunque più che accettabile e comprensibile il gesto della società Inter intesa proprio come azienda, per quanto in ritardo, come si suol dire meglio tardi che mai.

LEAVE A REPLY