L’uomo volante sugli Champs Elysées

0
16
editoriale italiano

I festeggiamenti per la Presa della Bastiglia sono tra i più importanti per i francesi.
Un’ottima occasione per riunirsi e ricordare un giorno storico che ha determinato le sorti del Paese.
Ogni anno la parata militare attira l’attenzione dell’intera nazione, sia di chi ha la fortuna di poter essere a Parigi sugli Champs-Elysée oppure anche di chi la può semplicemente vedere in televisione.
Ma le parate si sa, spesso entrano in quel circolo vizioso di avvenimento noioso, già visto e rivisto, non importa con quale bandiera attaccata ai carri armati o ai veicoli da sbarco.
Qualcosa che fa a pugni con un mondo moderno europeo che preferisce non dare la giusta importanza all’aspetto militare di una nazione.
Ma quella di quest’anno ad un certo punto ha ravvivato l’attenzione e l’interesse di tutti noi.
Quando un uomo in piedi su di una specie di piattaforma portatile si é avvicinato al presidente Macron volando e facendolo in modo disinvolto e molto naturale.
Un uomo armato in grado di entusiasmare la folla presente e persino il presidente stesso.
Si tratta di un inventore francese di nome Franky Zapata che da solo ha guadagnato l’interesse di tutto il mondo, rilegando il resto degli armamenti francesi in secondo piano.
Ha saputo stupirci, ha saputo incuriosirci trasportandoci per qualche secondo nel futuro, mentre sotto di lui il mondo militare antico perdeva di definizione agli occhi degli ascoltatori.
Ecco cosa ricordiamo di questa parata, un uomo che vola da solo sui cieli di Parigi.

Leave your vote

Comments

0 comments

LEAVE A REPLY