L’Italia al 16esimo posto tra i Paesi migliori dove crescere i figli

editoriale italiano

Potrebbe non essere un motivo di vanto, ma tutto sommato nemmeno un motivo di vergogna o preoccupazione. La domanda se la fanno tutti i genitori prima o poi: come sarà crescere i propri figli in un altro Paese?
Ecco arrivare la risposta da un campionamento effettuato su ben 72 Paesi nel mondo. La classifica viene aggiornata annualmente dal 2016, anno in cui hanno cominciato a stilarla.
Viene realizzata da U.S. News and World Report in collaborazione con la Wharton School of the University of Pennsylvania. Diversi i fattori da tenere in considerazione, dalla qualità della vita alle leggi suoi diritti umani, dall’equità tra i sessi al vivere green.
Com’era prevedibile, a stravincere sono i Paesi Scandinavi con al primo posto la Danimarca, poi la Svezia al secondo e la Norvegia al terzo.
A seguire Canada, Olanda e così via sino al Regno Unito all’undicesimo posto e l’Italia al 16esimo preceduta da Germania, Francia e Spagna. Dietro di noi persino gli Stati Uniti che raggiungono un tristissimo 18esimo posto.