Si tratta dell’isola di Bougainville nell’oceano Pacifico. Si presume vi si trovino riserve di rame e oro nel suo sottosuolo che possono raggiungere una stima approssimativa di circa 58 bilioni di dollari.
Qualcosa che ha meritato l’attenzione di molte società minerarie che si occupano proprio di creare e gestire miniere e larori nel sottosuolo in giro per il mondo.

La miniera é quella di Panguna e sino al 1989 era pienamente operativa per poi essere bloccata per motivi legislativi e per le numerose vittime che si contavano ogni anno.
Ora le leggi stanno per essere modificate ed aggiornate in merito all’estrazione dal sottosuolo, dunque entro la metà del 2019 ci si attende il via libera che permetterebbe la riapertura di quella che un tempo era una della maggiori miniere al mondo.
Quando era aperta questa miniera portava alla luce talmente tanto oro e rame da rappresentare il 44% delle esportazioni della Papua Nuova Guinea.
Sembra che la corsa all’oro del nuovo millennio sia appena cominciata.

About The Author

Related Posts

Leave a Reply

Skip to toolbar