L’Australia conferma 2 casi di covid mutato

editoriale italiano

L’Australia ha dichiarato poco fa di aver rilevato casi del nuovo ceppo di coronavirus a rapida diffusione identificato nel Regno Unito nei giorni scorsi. 
Due viaggiatori che dall’Inghilterra hanno viaggiato sino allo stato australiano del New South Wales sono stati trovati portatori della variante mutata del virus che secondo la Gran Bretagna potrebbe essere fino al 70% più contagiosa. 
Entrambi sono in quarantena alberghiera e il recente picco di infezioni a Sydney non è collegato a questo, hanno voluto precisare le autorità australiane.
Si sta nel frattempo risalendo ai contatti degli ultimi giorni delle due persone contagiate, a partire dal volo sino ad ogni singolo spostamento su suolo australiano.