La prima condanna a morte al mondo tramite videochiamata

0
editoriale italiano

Un uomo, Punithan Genasan, é stato condannato a morte venerdì scorso, durante una videochiamata fatta tramite il servizio Zoom.
L’uomo era accusato per traffico di stupefacenti e nella fattispecie si parla di grandi quantità di eroina.
Il caso risale al 2011 e l’uomo, che oggi ha 37 anni, si é collegato con il tribunale tramite videochiamata nel rispetto delle regole di contenimento e di lockdown vigenti a Singapore.
La corte ha così pronunciato la prima condanna a morte della storia avvenuta tramite videochiamata.
L’avvocato difensore ha già indicato che ricorreranno in appello.
Nel frattempo sono insorti diversi alcuni gruppi di tutela per i diritti civili che hanno rimarcato come poco “umana” questa condotta del giudice.
L’azienda californiana che offre il servizio di videochiamata Zoom al momento non vuole commentare sull’accaduto considerandosi ovviamente estranea a quanto accaduto.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here