Infermiere in California positivo 1 settimana dopo aver fatto il vaccino

editoriale italiano

Un infermiere della California è risultato positivo al COVID-19 più di una settimana dopo aver ricevuto il vaccino, anche se gli esperti medici dicono che la tempistica non è insolita.
L’infermiere del pronto soccorso Matthew W., che lavora in due diversi ospedali a San Diego, ha ricevuto il vaccino Pfizer contro il coronavirus il 18 dicembre e inizialmente ha riportato dolore al braccio per un giorno, ha riferito.
L’infermiere di 45 anni si è poi sentito male dopo aver lavorato al suo turno nell’unità COVID-19 sette giorni dopo, la vigilia di Natale. All’improvviso ha sperimentato i sintomi classici del coronavirus, come stanchezza, brividi e dolori muscolari.
Due giorni dopo, Matthew è stato portato in un ospedale in auto e i suoi risultati sono risultati positivi al coronavirus. Il dottor Christian Ramers, uno specialista in malattie infettive del Family Health Centers di San Diego, ha detto che è possibile che Matthew abbia contratto il virus prima di ricevere l’iniezione, poiché sono necessarie circa due settimane prima che la prima dose del vaccino entri in azione.
“Sappiamo dagli studi clinici sul vaccino che ci vorranno dai 10 ai 14 giorni per iniziare a sviluppare la protezione al virus”, ha detto Ramers. “Quella prima dose che pensiamo ti copre sino al 50%, e si ha bisogno di una seconda dose per arrivare fino al 95%.”