Indagine Boeing 737 Max: commessi una serie di errori e fallimenti

0
editoriale italiano

Un’indagine di 18 mesi su due incidenti di Boeing 737 MAX che hanno provocato la morte di 356 persone ha identificato un “orribile culmine” di fallimenti presso la compagnia e tra i regolatori.
Il comitato per i trasporti e le infrastrutture della Camera dei Rappresentanti degli Stati Uniti ha pubblicato il suo rapporto estremamente critico mentre l’azienda aerospaziale continua gli sforzi per riportare gli aerei 737 MAX nei cieli dopo che erano stati costretti tutti a terra nel marzo dello scorso anno.
La decisione di ritirarli dal servizio ha seguito la tragedia del volo Ethiopian Airlines 302 fuori Addis Abeba.
Tutti i 157 a bordo furono uccisi.
Sei mesi prima, un Lion Air 737 MAX, che trasportava 189 passeggeri e membri dell’equipaggio, si è schiantato in Indonesia.
Il rapporto si è concentrato sulle attività di sviluppo presso Boeing e sul controllo da parte della Federal Aviation Administration (FAA) dopo che i rapporti ufficiali sugli incidenti hanno identificato nel software di controllo del volo per entrambi gli incidenti il problema principale e la causa scatenante.
Il rapporto accusa nel contempo anche il progettista di aver nascosto informazioni cruciali alle autorità di controllo e ai piloti dichiarando che la FAA “non è riuscita a garantire la sicurezza delle persone in viaggio”.
Gli incidenti “erano il culmine orribile di una serie di presupposti tecnici errati da parte degli ingegneri della Boeing, una mancanza di trasparenza da parte della direzione della Boeing e una supervisione grossolanamente insufficiente da parte della FAA”, questo il risultato dell’inchiesta.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here