in ,

In Nuova Zelanda a migliaia sono stati evacuati causa tsunami

editoriale italiano

Uno dei più forti terremoti che hanno colpito il Pacifico meridionale nella storia moderna ha innescato allarmi tsunami attraverso l’oceano e ha costretto migliaia di persone in Nuova Zelanda a evacuare le aree costiere nella giornata di ieri. Dalle colline sovrastanti le coste sono state viste piccole onde di tsunami, ma poche ore dopo sono stati evidenti danni.
Il terremoto di magnitudo 8.1 nella regione delle isole Kermadec, a circa 700 km dalla Nuova Zelanda, è stato il più grande di una serie di scosse nell’arco di diverse ore, inclusi due precedenti terremoti che hanno registrato magnitudo 7.4 e magnitudo 7.3.
La minaccia dello tsunami ha causato ingorghi e un pò di caos in Nuova Zelanda mentre le persone si affrettavano a raggiungere le zone più elevate.
I residenti hanno registrato video di piccole onde in alcuni luoghi, inclusa la baia di Tokomaru vicino a Gisborne.
Dopo poche ore, l’Agenzia nazionale per la gestione delle emergenze ha affermato che la minaccia era passata e le persone sarebbero potute tornare alle loro case, anche se dovevano continuare a evitare le spiagge.

Written by andrea montelli

Leave a Reply

editoriale italiano

Agricoltori in India protestano da 100 giorni

editoriale italiano

Nel Regno Unito si sta per tornare a scuola in sicurezza