La febbre sale, la tensione é alle stelle dalle parti di Cupertino in California dove domani sarà l’iPhone day 2019. Nessuno lo ha chiamato così ufficialmente ma ormai tutti sanno che l’evento Apple di presentazione di nuovi prodotti fissato da tempo per il 10 settembre 2019 sarà incentrato soprattutto sui nuovi modelli di iPhone, di sicuro 2, ma probabilmente 3.
Le prime indiscrezioni parlano anche di una nuova versione di Apple Watch e di altro, ma tutto finisce in secondo piano rispetto allo smartphone più amato del mondo.
Non ci resta che aspettare e gustarci questo nuovo pezzo di tecnologia innovativa che solo Apple sa regalare.
Ogni volta sembra di assistere ad un salto nel futuro che ha tanto l’odore di una realtà parallela che ci esalta e ci soddisfa probabilmente di più della stessa vera vita reale. Attenzione a non confondere le due cose lasciando sempre ad Apple la fascia da capitano condottiero mentre ci trasporta in un futuro sempre più alla portata, senza però permettere alla sua tecnologia di toglierci quella parte umana che ci contraddistingue dai computers.
Perché alla fine un iPhone é un computer portatile, non sarà mai umano se non per la sua parte di intelligenza artificiale ancora ben lontana da quella umana.
I prezzi? Non proprio per tutti se si pensa allo stipendio medio di un lavoratore italiano, che diventano per tutti grazie alle diavolerie di un sistema finanziario in grado di mettere i sogni alla portata di mano attraverso un sistema planetario di rateizzazioni che migliorano la nostra vita (così ci dicono) regalandoci l’impossibile tecnologico, anzi no, togliete la parola regalandoci…
In attesa di essere impressionati ancora una volta da Tim Cook e chiedere nuovi straordinari al nostro capo per comprarci il nuovo iPhone gustiamoci questo ultimo giorno di iPhone 2018 che da domani ci farà sentire un pizzico più vecchi.

Leave a Reply

Skip to toolbar