Il Regno Unito si prepara alla seconda ondata

editoriale italiano

Per qualche giorno in Inghilterra si é temuto il peggio nella speranza di non dover mai arrivare a superare quei limiti di sicurezza che costringerebbero a ornare a restrizioni pesanti.
Purtroppo i numeri dei contagi hanno raggiunto gli stessi registrati nel mese di Maggio e gli esperti lanciano l’allarme. Se non dovessero tornare ad abbassarsi o almeno a livellarsi, significherebbe dover emettere nuove ordinanze di restrizione come si era fatto nel periodo del lockdown, significherebbe dover fronteggiare la seconda ondata di coronavirus.
Inutile negarlo, inutile affermare il contrario. Tutti ci si aspettava, dopo un’estate molto “leggera”, di dover affrontare un Settembre all’ombra di numeri che inevitabilmente sarebbero dovuti crescere.
Così é stato, dunque nulla di magico o di strano in questo. Si tratta di capire e lo si farà in Inghilterra nei prossimi giorni, se questi dati potranno stabilizzarsi permettendo agli inglesi con piccole restrizioni di vivere una parziale normalità almeno sino al vaccino, oppure se si dovrà intervenire drasticamente chiudendo tutto e subito.