Il Pallone d’Oro 2020 non si terrà

0
editoriale italiano

Non ci saranno vincitori per il Pallone d’Oro 2020 quest’anno a causa dell’impatto ancora in corso della pandemia di coronavirus.

Il premio é gestito dalla rivista France Football. Viene assegnato ogni anno da quando Stanley Matthews ha vinto il primo nel 1956. Lionel Messi lo ha vinto sei volte – una in più del rivale di lunga data Cristiano Ronaldo.
Quest’anno per la prima volta dalla sua fondazione non verrà assegnato il premio individuale riconosciuto come il più ambito del calcio.
Poiché le regole del gioco sono state modificate durante la pandemia, il premio stesso è stato influenzato, mentre il rinvio sia del Campionato europeo che della Coppa America ha visto quei pochi giocatori selezionati in Champions League ottenere un vantaggio significativo per poter vincere il premio.
La dichiarazione di France Football recita: “Per la prima volta dal 1956, il Pallone d’Oro si prenderà una pausa. Non ci sarà nessuna edizione nel 2020, perché dopo un’attenta considerazione, abbiamo confermato che tutte le condizioni necessarie per assegnare il premio non sono soddisfatte. Crediamo che un anno così singolare non possa – e non debba – essere trattato come un anno normale.
“Dal punto di vista sportivo, due mesi (gennaio e febbraio), degli undici generalmente richiesti per formarsi un’opinione e decidere chi dovrebbe sollevare i trofei, rappresenta troppo poco per valutare e giudicare; senza dimenticare che le altre partite sono state giocate – o si giocheranno – in condizioni straordinarie (a porte chiuse, con cinque sostituzioni, o la Final 8 di Champions League che sarà giocata in una sola partita).”
“Questa decisione, che è stata presa ovviamente con tutte le parti interessate del Gruppo, non ci delizia, ma sembra essere la più responsabile. Proteggere la credibilità e la legittimità di un tale premio significa anche garantirne l’integrità nel tempo.”
“Il Pallone d’Oro riunirà di nuovo la grande famiglia e gli appassionati di calcio nel 2021, per rivivere la felicità che circonda le cerimonie come le abbiamo vissute negli ultimi anni.”

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here