in , ,

Il Louvre ha digitalizzato 482 mila opere d’arte

editoriale italiano

Uno dei musei più famosi e più grandi del mondo ha annunciato una digitalizzazione globale della sua vasta collezione.
“Il Louvre sta rispolverando i suoi tesori, anche i meno conosciuti”, ha dichiarato Jean-Luc Martinez, presidente-direttore del Museo del Louvre.
“Per la prima volta chiunque può accedere gratuitamente all’intera collezione di opere da computer o smartphone, siano esse in mostra al museo, in prestito, anche a lungo termine, o in deposito”.
L’intera collezione è così enorme, nessuno sa nemmeno quanto sia grande. Il comunicato ufficiale del Louvre stima che nel database delle collezioni siano state digitalizzate circa 482.000 opere, che rappresentano circa i tre quarti dell’intero archivio.
“È semplicemente travolgente”, afferma Andrew McClellan, professore alla Tufts University e autore di Inventing the Louvre: Art, Politics and the Origins of the Modern Museum.
La strategia di mettere quasi tutto online è in linea con gli ideali illuministi che hanno plasmato il museo dopo la Rivoluzione francese, dice: “raccogliere la conoscenza del mondo insieme sotto lo stesso tetto e poi renderla disponibile per i ricercatori e il pubblico in generale”.
Le principali istituzioni digitalizzano le loro collezioni da molti anni, ma gli archivi online del Louvre hanno richiesto un lavoro particolarmente esaustivo.
Ogni immagine, secondo il museo, è accompagnata da dati scientifici: titolo, artista, numero di inventario, dimensioni, materiali e tecniche, data e luogo di produzione, storia dell’oggetto, posizione attuale e bibliografia. … Queste voci documentarie, disegnate creati da curatori e ricercatori di musei, provengono da due database di collezioni museali e vengono aggiornati quotidianamente.

Written by Miriam Parodi

Leave a Reply

GIPHY App Key not set. Please check settings

editoriale italiano

Chiusure per un altro mese, come da previsioni

editoriale italiano

Trovata barretta di cioccolato reale di 121 anni