Il Giorno della Memoria, 75 anni dopo

0
316
editoriale italiano

Il Giorno della Memoria é il giorno in cui si ricordano le vittime dell’Olocausto. Perché ancora prima di imparare i greci ed i romani i nostri figli dovrebbero imparare la storia a ritroso, per sapere quanto la storia più recente abbia condizionato il nostro presente, quello che siamo oggi.
Si é deciso di ricordare questo giorno, perché il 27 gennaio del 1945 le truppe dell’Armata Rossa, in direzione della Germania, liberarono il campo di concentramento di Auschwitz.
Erano le truppe della 60a Armata comandate dal maresciallo Ivan Konev.
Arrivarono nella città polacca di Auschwitz per scoprire di lì a poco l’orrore del campo di concentramento e di quel che rimaneva all’interno di quelle mura.
Il genocidio nazifascista era stato compiuto e la storia aveva scritto alcune delle pagine più brutte di sempre.
Nel campo ormai vi erano rimasti solo pochi superstiti e gli strumenti di tortura ed annientamento di quel posto raccontavano le atrocità del lager nazista.
Sono passati 75 anni, sembrano un’eternità a dire il vero. Ma non deve esserlo ai nostri occhi perché i nostri figli devono sapere cosa accadde in quel campo di concentramento e non devono lasciare che sia solo un libro di storia a raccontarlo, ma devono sentire le storie di coloro che ci sono stati, di coloro che quel 25 gennaio del 1945 da quel campo sono usciti lasciando là dentro per sempre la loro anima.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here