L’ambasciatore cinese in Canada ha chiesto di poter essere ricevuto subito da un esponente del governo canadese e le sue dichiarazioni del dopo-incontro hanno lasciato poco spazio all’immaginazione.
Il Canada si sta preparando a diffondere il servizio del 5G per il mobile su tutto il territorio nazionale.
Al momento però la partecipazione alla nuova linea superveloce é negata all’azienda cinese Huawei.
Inutile negarlo, i cinesi hanno saputo mettere in campo una serie di smartphones di primo livello ad un prezzo decisamente contenuto rispetto ad Apple o Samsung al punto che in alcuni Paesi le vendite di Huawei si affiancano e a volte superano Apple.
Purtroppo però le implicazioni politiche e di spionaggio non erano state precisate all’inizio, al punto che i prodotti dal marchio Huawei stanno subendo un attacco governativo negli Stati Uniti come in Canada, in Francia come nel Regno Unito e la lista é destinata ad allungarsi.
Il Canada ha descritto, per voce del Ministro degli Esteri Chrystia Freeland, il rapporto con la Cina in una fase “molto difficile” che si trascina dal giorno dell’arresto avvenuto 6 settimane fa di Meng Wanzhou a Vancouver, niente meno che una delle pedine più importanti del marchio Huawei.
Si attendono sviluppi nell’immediato ma al momento sembra che nessuno dei due voglia avvicinarsi ad un dialogo e mediare per una risoluzione.

About The Author

Related Posts

Leave a Reply

Skip to toolbar