I medici in Siberia hanno salvato la vita di Navalny

0
editoriale italiano

I medici dell’ospedale siberiano che per primi hanno curato il politico dell’opposizione russa Alexei Navalny hanno dichiarato questa mattina che il loro tempestivo intervento ha permesso di salvargli la vita.
Le situazioni di Alexei sono ancora gravi e non é nemmeno considerato fuori pericolo o in una fase di miglioramento, ma almeno non é morto e più passano i giorni più si spera nelle buone notizie.
Navalny, oppositore di lunga data del presidente russo Vladimir Putin e attivista contro la corruzione, si è ammalato gravemente giovedì dopo quello che i suoi alleati credono fosse un avvelenamento.
Dopo due giorni in un ospedale siberiano è stato trasportato in aereo per le cure in Germania dove la stessa cancelliera Merkel si era offerta di accoglierlo.
In molti ipotizzano che i due giorni in Siberia sono comunque serviti a far sparire nel suo organismo le tracce di un eventuale avvelenamento ed é per questo che i medici dell’ospedale che ha curato il leader hanno voluto precisare questa mattina che in realtà il loro intervento gli ha salvato la vita e non aveva scopi secondari e tanto meno politici.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here