in ,

Governatore del Texas vuole vietare ai social di bloccare gli utenti

editoriale italiano

Il governatore del Texas Greg Abbott ha detto che Facebook e Twitter stanno guidando un “movimento pericoloso per mettere a tacere le voci conservatrici e le libertà religiose” mentre ha sostenuto un disegno di legge dello stato che consentirebbe a qualsiasi texano temporaneamente rimosso o bandito da Facebook o Twitter di citare in giudizio le società di social media per per essere reintegrato.
Il disegno di legge, presentato all’inizio di questa settimana dai senatori statali repubblicani, è l’ultimo di oltre una dozzina di sforzi emersi in tutto il paese nelle ultime settimane, a seguito del blocco dell’ex presidente Donald Trump dalle due piattaforme di social media sulla scia della rivolta del Campidoglio del 6 gennaio.
In una conferenza stampa a Tyler, in Texas, Abbott ha affermato che le società di social media hanno l’obbligo ai sensi di una legge federale del 1996 nota come Sezione 230 di mantenere aperte le loro piattaforme e che le violazioni di tale legge da parte di Facebook, Twitter e altri danno al Texas il diritto di imporre le proprie normative statali.

Written by Thomas Longhi

Leave a Reply

editoriale italiano

L’intervista a Harry e Meghan che preoccupa la Regina

editoriale italiano

Fermiamoci, così non può funzionare