Franky Zapata é andato oltre La Manica

0
17
editoriale italiano

Il tentativo del 25 luglio era finito male e lo stesso Zapata aveva dichiarato di aver persino rischiato la vita quando l’acqua era entrata nel casco e non riusciva più a respirare.
Oggi ci ha riprovato. A bordo della sua piattaforma volante denominata “flyboard” si é sollevato in aria a due passi da Calais per raggiungere le bianche scogliere di Dover dopo circa 25 minuti.
Ha percorso la distanza di 35 km che divide la Francia dalla Gran Bretagna ad una velocità di 140 km/h.
Un’impresa storica, impensabile sino a poco tempo fa.
Ormai Zapata é un’icona del volo futuristico e le richieste di collaborazione governative stanno cominciando ad intasare la sua segreteria telefonica.
Il suo prototipo di uomo volante non é più solo una dimostrazione da parata, ormai é i frutto di una progettazione ben chiara che continuerà ad essere sviluppata sia in ambito civile che militare.

Comments

0 comments

LEAVE A REPLY