Ergastolo senza condizionale per il killer di Christchurch

0
editoriale italiano

Un suprematista bianco accusato di aver ucciso 51 persone in attacchi terroristici contro due moschee a Christchurch lo scorso anno trascorrerà il resto della sua vita in prigione, ha ordinato un tribunale della Nuova Zelanda.
Brenton Tarrant, un cittadino australiano di 29 anni, ha rifiutato il suo diritto di rivolgersi al tribunale durante l’udienza di condanna, lasciando un avvocato nominato dal tribunale per indicare che non si era opposto alla domanda dell’accusa per “l’ergastolo senza condizionale”.
Il giudice Cameron Mander ha detto che Tarrant ha rappresentato un grave rischio per la sicurezza pubblica, avendo preso di mira le persone a causa della loro religione, etnia, razza e colore durante un “massacro codardo”.
Tarrant ha ucciso 51 fedeli il 15 marzo dello scorso anno, ferendo altre 49 persone nelle moschee Masjid Al Noor e Linwood Islamic Center a Christchurch. È stata la peggiore sparatoria di massa nella storia della Nuova Zelanda.
L’ex istruttore di palestra ha utilizzato armi automatiche durante gli attacchi, che sono stati trasmessi in streaming in diretta su Internet e trasmessi dalle piattaforme dei social media, incluso Facebook.
Tarrant aveva anche pubblicato online un “manifesto” razzista di 74 pagine in vista dell’aggressione che secondo gli analisti mirava ad attirare più attenzione possibile.
Durante l’udienza di quattro giorni, il tribunale ha ascoltato le dichiarazioni sull’impatto delle vittime relative alle 51 accuse di omicidio e alle 40 accuse di tentato omicidio per le quali era stato condannato a marzo.
Alcuni membri della famiglia del defunto si sono rivolti alla corte, spiegando in dettaglio come il massacro aveva influenzato le loro vite e quelle delle loro comunità.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here