Dopo due anni l’Islanda riprende la caccia alle balene

0
5
editoriale italiano

A renderlo noto la Ong Sea Shepherd che ha pubblicato le immagini su Facebook di una balena macellata sulla baleniera Hvalur 8.
Le immagini da web hanno fatto il giro del mondo in poche ore e stanno scatenando la rabbia di tutti.
Quest’anno l’Islanda può cacciare 161 esemplari, ma potrebbe spingersi sino a 191 animali recuperando una parte di quote di quelle che non ha pescato nei due anni in cui é stata fermata.
Le balenottere comuni sono le prede più ricercate, nonostante siano inserite tra le specie in via di estinzione.
Si sa, l’Islanda dalle balene ricava il grasso, la carne e le ossa per poi indirizzare questi prodotti a diversi impieghi. Il giro d’affari é grande per non dire necessario alla sopravvivenza di alcune aree di pescatori, ma rischiare di arrivare ad estinguere una specie per interesse economico supera qualsiasi buona intenzione o necessità.
L’Islanda almeno lo ammette, le balene vengono cacciate per motivi commerciali, a differenza del Giappone che invece continua a dichiarare che lo fa per motivi scientifici.

LEAVE A REPLY