Djokovic assurdo, squalificato agli US Open

editoriale italiano

Era semplicemente il favorito del torneo. Il suo gesto inconsulto invece lo seguirà per tutta la sua vita e la sua carriera oscurando persino il nome ed il talento di uno dei tennisti più forti di sempre.
Tutto accade all’improvviso alla fine dell’11° game del primo set: dopo aver fallito tre set point sul 5-4 Djokovic si fa strappare la battuta mandando il rivale Carreno Busta a servire per il set.
Preso da un attimo di rabbia, al cambio campo scaglia con violenza una palla in direzione dei teloni, senza nemmeno guardare. Colpisce in volto una giudice di linea che si accascia a terra e fatica a respirare.
Tutti hanno capito che ovviamente non lo ha fatto apposta ma le conseguenze ed il gesto le stanno vedendo milioni i persone in tutto il mondo in diretta tv. Nonostante Djokovic chieda subito scusa entra in campo il direttore del torneo per comunicare al serbo l’espulsione dal torneo.
Novak senza convinzione prova a difendersi per qualche secondo prima di stringere la mano all’avversario e andarsene.
Tutti potremmo scommettere che mai avrebbe fatto intenzionalmente una cosa del genere, ma un gesto di rabbia di tale portata avrebbe potuto anche portare a conseguenze ben peggiori e dunque é stato giusto punirlo nell’unico modo possibile.