La Lega é convinta di poter “fare da sola”, dunque ritiene sia arrivato il momento di far succedere quello che sembra programmato sin dal primo momento.
La crisi di governo é appena stata ufficializzata dal ministro Salvini che chiede le dimissioni di Conte e di poter rimettere la decisione al voto degli italiani.
Non ci sono più i presupposti. Quell’accordo di governo firmato all’inizio ha fatto acqua da tutte le parti e quello che doveva essere l’esecutivo per i prossimi 20 anni é stato invece l’esecutivo per qualche mese.
Matteo Salvini sa di poter avere la maggioranza degli italiani e sa di poterci mettere la faccia in prima persona auto-nominandosi Presidente del Consiglio.
Mancano le elezioni a confermarlo, ma al momento ogni sondaggio concede alla Lega questo legittimo vantaggio.
Resta però il parere degli italiani, che, come successo agli americani con Trump, stanno maturando una secca avversione verso l’operato del partito di maggioranza e del suo Ministro.
L’odio riporta odio all’ennesima potenza, il poter diventare presidente del Consiglio non significa fare quello che si vuole e di certo la soluzione storicamente migliore é sempre passata dal dialogo anche con coloro che non la vedono allo stesso modo.
Lo spread vola oltre i 200 punti, l’Italia ha paura e l’italiano medio sta seriamente pensando di investire altrove, il giovane pensa invece ad andarsene.

Leave a Reply

Skip to toolbar