Circa 180 persone denunciate per non aver rispettato i divieti per il Coronavirus

0
editoriale italiano

L’italiano medio non é come il cinese che segue le regole. L’italiano medio nella maggior parte dei casi deve spaventarsi in prima persona prima di dare una regolata alla sua innata arroganza.
Così nel primo giorno di Italia isolata, dove vige il divieto di muoversi se non per validi motivi, circa 180 italiani sono stati denunciati perché erano in giro senza validi motivi.
Ma questa é la conseguenza di un Paese chiuso che lascia aperti i bar, gli uffici pubblici e molto altro. Nella sola giornata di ieri in alcuni momenti in alcuni bar vi era la concentrazione maggiore di persone in spazi ridottissimi. Dunque abbiamo chiuso o abbiamo solo fatto finta di chiudere? Giusta la presa di posizione di Lombardia e Piemonte che parlano di chiudere tutto, senza eccezioni.
E’ arrivato il momento di ragionare come hanno fatto in Cina, non abbiamo più tempo. Dobbiamo intervenire con decisione perché solo così l’italiano arrogante comincia ad ascoltare. Visto che si tratta della salute di tutti e del futuro dei nostri figli, speriamo in una presa di posizione decisa questa volta. Non abbiamo altro tempo a disposizione e quelle povere 180 persone denunciate che giravano senza valido motivo dimostrano che una parte del nostro Paese non ha ancora inteso la gravità della situazione.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here