Chi ha ucciso Breonna Taylor sarebbe stato solo negligente

editoriale italiano

L’avvocato della famiglia di Breonna Taylor ha definito “oltraggiosa e offensiva” la decisione di un gran giurì di non portare accuse contro la polizia per la sua uccisione.
I pubblici ministeri ieri hanno affermato che i due agenti che hanno sparato alla signora Taylor erano giustificati nell’usare la forza per proteggersi.
Le uniche accuse mosse sono state tre capi di imputazione per ingiuria arbitraria contro l’agente licenziato Brett Hankison per aver sparato nelle case dei vicini della signora Taylor durante il raid a Louisville, Kentucky, il 13 marzo.
Benjamin Crump, un avvocato per i diritti civili che rappresenta la famiglia Taylor, ha detto che è “oltraggioso” che nessuno degli ufficiali sia stato accusato penalmente per la morte della signora Taylor.
“Se il comportamento di Brett Hankison era un pericolo incontrollato per le persone negli appartamenti vicini, allora avrebbe dovuto essere un pericolo incontrollato anche nell’appartamento di Breonna Taylor. In effetti, avrebbe dovuto essere dichiarato un omicidio!”
L’FBI sta ancora indagando su potenziali violazioni della legge federale nel caso.
Il procuratore generale Daniel Cameron ha annunciato la decisione del gran giurì di Louisville in una conferenza stampa mentre i manifestanti contro l’ingiustizia razziale e la brutalità della polizia e si sono nuovamente ritrovati per le strade della città a gridare il loro disappunto.
L’atto d’accusa dell’ex detective Hankison per negligenza rappresenta il crimine di livello più basso nel Kentucky e prevede una pena massima fino a cinque anni di carcere.