in , ,

Ceferin e le minacce UEFA

editoriale italiano

Aleksander Ceferin é un avvocato sloveno che dal 2011 al 2016 é stato presidente dell’Associazione calcistica slovena. Dal Settembre 2016 é invece stato eletto presidente della UEFA.
Ora però la notorietà gli sta dando alla testa ed é passato da una faccenda istituzionale ad una personale nei confronti dei club che sono nella SuperLega.
Ha minacciato il Real Madrid, la Juventus, il Milan e il Barcellona che se non escono subito dalla SuperLega saranno escluse dalla Champions.
A questo punto io ci penserei bene prima di rientrare nella Champions. Abbiamo capito tutti che in Inghilterra é intervenuto il governo che ha fatto capire ai danarosi proprietari NON inglesi che avrebbe creato problemi persino di carattere fiscale, altrimenti le squadre inglesi sarebbero ancora nella SuperLega. Arrivare a minacciare come sta facendo Ceferin é fuori luogo. Se hai vinto e sei sicuro di aver ragione non serve che usi la forza, basta l’indifferenza. Sta agli altri eventualmente farsi un’idea di quanto accade.
Dunque l’idea di restare fuori a questo punto, se supportati dalla JP Morgan potrebbe anche essere interessante se le minacce continuassero.
Anche perché la FIFA che sceglie i mondiali in Qatar per soldi, non può permettersi lezioni di moralità con nessuno. La UEFA che spreme i giocatori all’esaurimento pur di giustificare incassi sempre maggiori a coprire costi sempre maggiori, non può permettersi lezioni di comportamento.
Il nuovo progetto Champions prevede un numero di partite che le squadre non possono sostenere. Come ha detto ieri Guardiola ci vorrebbero annate da 400 giorni, il che é impossibile. Se questo significa tutelare i giocatori e le squadre…
E’ semplicemente un business e lo si vuole sfruttare al massimo senza considerare che in queste condizioni moltissimi club al mondo dichiareranno fallimento, lasciando fuori quelli alimentati dai soldi provenienti dalla Russia o dai paesi arabi.
Siamo ad un punto di non ritorno. L’idea SuperLega non é così sbagliata, é stato sbagliato l’approccio. Se avessero fatto tutto alla luce del sole avrebbero messo la stessa UEFA all’angolo senza possibilità di replica.
Andare a farsi intervistare in una televisione slovena dicendo che sono stati rimandati indietro i soldi degli americani la dice lunga sulla presa di posizione ignorante e pericolosa di Ceferin.
Eventualmente un dialogo con JP Morgan sarebbe da avviare proprio per il bene del calcio europeo al collasso, non si dovrebbe generare uno sbilancio basato sulla provenienza dei soldi per il calcio. Anche perché con questo ragionamento la maggior parte dei principali club europei sappiamo tutti che non finanziano con soldi provenienti da attività svolte e gestite in Europa e tanto meno in Slovenia.

Written by Davide Foschi

Leave a Reply

GIPHY App Key not set. Please check settings

editoriale italiano

Gli USA al punto di svolta contro il covid tra poche settimane

editoriale italiano

Soldi per Alitalia, vitalizio per Formigoni ai domiciliari, mentre gli imprenditori sono allo stremo