in ,

Diana Trujillo, icona della missione Perseverance

editoriale italiano

Quando il rover Perseverance della NASA è atterrato con successo su Marte la scorsa settimana, l’ingegnere aerospaziale Diana Trujillo, direttrice di volo della missione, ha dichiarato in un’intervista che le ci è voluto del tempo per capire che era arrivato sul pianeta rosso.
“Ero molto sull’idea di pensare: Cosa sta succedendo?'”, Ha detto. Poi, quando le immagini e i video di Perseverance hanno iniziato a tornare indietro, è diventato reale.
“Siamo al sicuro? Penso che guardando la prima immagine sia stato quando ho effettivamente elaborato che eravamo effettivamente atterrati”, ha aggiunto.
Lo sbarco segnò solo l’inizio della missione di Perseverance su Marte, ma per Trujillo il compito di svolgere un ruolo di leadership nella storica missione di trovare la vita su Marte era un sogno da anni.
I suoi sogni di raggiungere lo spazio e voler capire l’universo sono cominciati ​​da giovane a Cali, in Colombia. I suoi genitori stavano divorziando e, a 17 anni, ha deciso di andare negli Stati Uniti, arrivando con soli 300 dollari in tasca e senza parlare inglese. Ha lavorato come domestica per pagare i suoi studi e in seguito è entrata a far parte della NASA nel 2007.
Trujillo ora fa ora parte del Jet Propulsion Lab della NASA e ha lavorato al team che ha creato il braccio robotico che raccoglierà campioni di roccia su Marte. “Capire se siamo soli nell’universo è l’ultima domanda”, ha detto.
“Spero che entro un anno di operazioni di superficie su Marte, potremo rispondere presto a questa domanda”.
La storia di Diana oggi sta affascinando milioni di americani. La sua ferrea volontà di arrivare dove aveva sognato di arrivare ha entusiasmato molte ragazze giovani e moltissime donne in tutto il mondo.
Il suo é un esempio lampante che i sogni possiamo avverarli con costanza e dedizione.
“Volevo che i miei, specialmente i maschi della mia famiglia, riconoscessero che le donne aggiungono valore”, ha detto in un’intervista.
Tuttavia, le sue motivazioni si sarebbero poi sviluppate come studentessa universitaria. Si ricordava di essere stata in coda per dichiarare la sua specializzazione all’Università della Florida e di non sapere cosa voleva fare.
Quando Diana raggiunse il preside, vide una rivista che conteneva immagini di astronaute donne, una navetta spaziale e la Terra e fu allora che scelse l’ingegneria aerospaziale come sua principale preferenza.
Ha anche notato che la fila era piena di persone che non parlavano spagnolo né sembravano ispaniche, ed era una delle poche donne in coda.

Written by Marianna Longoni

Leave a Reply

GIPHY App Key not set. Please check settings

editoriale italiano

Chiudiamo tutto e subito

editoriale italiano

Passeggiata spaziale fuori dal mondo