in , ,

Gli Stati Uniti hanno completato l’evacuazione dall’Afghanistan

editoriale italiano

Per la prima volta dal 2001 non ci sono truppe americane in Afghanistan dopo che gli Stati Uniti hanno completato l’evacuazione della maggior parte dei suoi cittadini e di migliaia di afgani a rischio.
Più di 114.000 persone sono state portate via in aereo dall’aeroporto di Kabul nelle ultime due settimane.
Ma la fine del coinvolgimento militare degli Stati Uniti in Afghanistan solleva una nuova serie di domande per Biden e la sua amministrazione.
Ma cosa succede agli americani e afghani a rischio lasciati indietro?
Gli Stati Uniti hanno evacuato più di 5.500 cittadini statunitensi dall’inizio dei voli di evacuazione il 14 agosto. Un piccolo numero di cittadini americani ha scelto di continuare a rimanere in Afghanistan, molti di loro per poter stare con i membri della famiglia.
L’amministrazione Biden ha affermato che si aspetta che i talebani continuino a consentire un passaggio sicuro agli americani e ad altri per lasciare l’Afghanistan dopo il completamento del ritiro militare degli Stati Uniti.
Ma ci sono preoccupazioni su come quei cittadini potranno andarsene se non ci sarà un aeroporto funzionante.
Decine di migliaia di afgani sono a rischio, come interpreti che hanno lavorato con le forze armate statunitensi, giornalisti e difensori dei diritti delle donne, moltissimi sono stati lasciati indietro.
Non è chiaro quale sarà il loro destino, ma i funzionari temono che i talebani possano vendicarsi contro di loro.
Al momento i talebani si sono impegnati a consentire a tutti i cittadini stranieri e afgani con l’autorizzazione di viaggio di un altro paese di lasciare l’Afghanistan, secondo una dichiarazione congiunta rilasciata domenica da Gran Bretagna, Stati Uniti e altri paesi.
Ma resta l’incognita fiducia nei talebani che é davvero difficile averne

Written by Paolo Rizzi

Leave a Reply

Your email address will not be published.

GIPHY App Key not set. Please check settings

editoriale italiano

Apple compra Primephonic per la musica classica

editoriale italiano

Nuove restrizioni anche per gli americani che vogliono venire in Europa