in

Emre Can, chi l’ha visto?

editoriale italiano

Un giocatore si vede dal coraggio, dall’altruismo e dalla fantasia, così cantava De Gregori qualche anno fa, ma nulla di tutto questo si é visto, sin dal suo arrivo a Torino in quel giocatore che avrebbe dovuto dare compattezza e forza ad un centrocampo juventino che voleva fare il salto di qualità.
Emre Can ha giocato tanto quanto il terzo portiere della Juve e se la società lo vende al Borussia Dortmund su una cifra attorno ai 30 milioni di euro fa un affare assoluto. Ma non perché il giocatore non li valga o ne valga di più, ma per quanto visto negli ultimi mesi, ecco appunto, nessuno l’ha più visto.
Altro che essere deluso e in dissapore con il tecnico, tutto comprensibile per un calciatore che doveva essere l’ombra di Khedira e invece é stato l’ombra di se stesso.
L’esclusione dalla lista Champions ha contribuito non poco al suo malore, ma un professionista a questi livelli deve andare oltre e trovare nelle difficoltà gli stimoli necessari a risalire ed imporsi. Se così non é ecco spiegata la differenza tra un giocatore di primo livello ed uno di medio livello.

Written by Giuseppe Galli

Leave a Reply

Your email address will not be published.

GIPHY App Key not set. Please check settings

editoriale italiano

Nexon EV, il crossover Tata

editoriale italiano

La Gran Bretagna esce da un’Europa in cui non é mai entrata