300 fotografie di Gayle Greenhill donate al MoMa di New York

editoriale italiano

Gayle Greenhill era una donna avventurosa, un tratto che può essere chiaramente visto nella collezione di fotografie che ha costruito con suo marito, il finanziere Robert Greenhill, che ora ha donato più di 300 opere in sua memoria al Museum of Modern Art (MoMA) Nuovo York.
Il “dono trasformativo”, come lo descrive il museo, include esempi di artisti che si sono spinti oltre i confini artistici, come Edward Steichen, Diane Arbus, Karl Blossfeldt, William Eggleston, Jan Groover, André Kertész, László Moholy-Nagy, Man Ray e Cindy Sherman. Oltre a dar vita alla Gayle Greenhill Collection al MoMA, il regalo consentirà la creazione di un fondo per future esposizioni e acquisizioni attraverso la potenziale vendita di alcune opere.
“È una collezione straordinaria, dall’inizio alla fine. Ha tutti i tratti distintivi, ovvero straordinarie opere d’arte singolari scelte con incredibile discrezione e passione ”, afferma Sarah Meister, curatrice della fotografia del MoMA,“ e quindi anche una visione molto personale, ad esempio, dell’esplorazione e dell’aviazione.
“Questo tema dell’esplorazione può essere visto letteralmente, nel caso delle fotografie documentaristiche di Herbert Ponting, della spedizione antartica di Robert F. Scott nel 1910, e attraverso la sperimentazione creativa di artisti come Moholy-Nagy e Jan Groover”.