in , ,

Statue romane ritrovate in una chiesa medievale inglese

editoriale italiano

Statue di un uomo, una donna e un bambino romani sono state scoperte dagli archeologi in una chiesa medievale abbandonata.
La scoperta è stata “assolutamente sorprendente”, secondo Rachel Wood, l’archeologa principale del sito di Stoke Mandeville, nel Buckinghamshire. “Sono reperti davvero rari nel Regno Unito”, ha detto.
“Le statue sono eccezionalmente ben conservate e si ha davvero un’impressione delle persone che raffigurano: guardare letteralmente i volti del passato è un’esperienza unica.”
Nel sito di scavo sono state rinvenute tre teste di statue e due spalle. È stata scoperta anche una brocca romana di vetro esagonale. Nonostante siano rimasti nel terreno per quelli che si pensa siano più di 1.000 anni, i pezzi di grandi dimensioni erano intatti. L’unico oggetto comparabile noto è una nave in mostra al Metropolitan Museum of Art di New York.
Le statue sono state portate alla luce presso le rovine di una chiesa normanna, dove da sei mesi lavora un team di archeologi. La chiesa di Santa Maria fu costruita nel 1080 e ristrutturata nei secoli XIII, XIV e XVII. Fu abbandonata nel 1880 e demolita nel 1966 dopo essere stata dichiarata pericolosa. Le sue rovine negli ultimi anni sono state ricoperte dalla vegetazione.
A maggio, archeologi e ingegneri hanno iniziato a rimuovere la struttura rimanente della chiesa e a scavare nel cimitero che è stato in uso per 900 anni, con l’ultima sepoltura registrata nel 1908.
Gli esperti ritengono che il luogo fosse utilizzato come mausoleo romano prima della costruzione della chiesa normanna. Circa 3.000 corpi sono stati rimossi e verranno seppelliti nuovamente in un nuovo sito. Nel frattempo i reperti sono stati inviati al laboratorio che si occuperà di pulirli per bene e analizzarli dettagliatamente per identificare ancora con maggiore precisione una data di riferimento.

Written by Miriam Parodi

Leave a Reply

Your email address will not be published.

GIPHY App Key not set. Please check settings

editoriale italiano

In America vanno pazzi per i Maneskin

editoriale italiano

Lo scatto dell’occhio di un gabbiano vince il concorso fotografico della British Ecological Society