in , ,

In Bangladesh sono caduti oltre 30 cm di pioggia in un giorno

editoriale italiano

Giorni di forti piogge hanno colpito duramente i campi profughi Rohingya nel sud del Bangladesh, distruggendo abitazioni e mandando migliaia di persone a vivere con famiglie in rifugi comuni.
Solo in 24 ore tra martedì e mercoledì, più di 30 centimetri di pioggia sono caduti sui campi nel distretto di Cox’s Bazar che ospitano più di 800.000 Rohingya, ha detto l’agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati.
Si tratta di quasi la metà delle precipitazioni medie di luglio in un giorno, mentre sono previsti acquazzoni ancora più forti nei prossimi giorni e la stagione dei monsoni si estenderà per i prossimi tre mesi.
“La situazione è ulteriormente aggravata dalla pandemia di COVID-19. Attualmente esiste un rigoroso blocco nazionale in risposta ai casi in aumento in tutto il paese”, ha affermato l’agenzia.
Al momento il numero dei morti dall’inizio di questa settimana é di 6, cinque in una frana causata dalle piogge e un bambino travolto dalle acque alluvionali.
Citando i primi rapporti, l’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i rifugiati ha affermato che più di 12.000 rifugiati sono stati colpiti dalle forti piogge mentre si stima che 2.500 rifugi siano stati danneggiati o distrutti.
Più di 5.000 rifugiati sono stati temporaneamente trasferiti in rifugi o strutture comunali. Mancano cibo e acqua potabile e la situazione del meteo non prevede un miglioramento a breve.

Written by Miriam Parodi

Leave a Reply

Your email address will not be published.

GIPHY App Key not set. Please check settings

editoriale italiano

Il Regno Unito sta per riaprire le frontiere ai vaccinati

editoriale italiano

I dipendenti di Google torneranno in ufficio solo se vaccinati