in , ,

Taiwan vuole armi a lungo raggio per dissuadere la Cina da un possibile attacco

editoriale italiano

Taiwan ha bisogno di armi precise e a lungo raggio per dissuadere adeguatamente una Cina che sta rapidamente sviluppando i suoi sistemi per attaccare l’isola. A dichiararlo pubblicamente niente meno che il ministro della Difesa Chiu Kuo-cheng.
Taiwan questo mese ha proposto una spesa extra per la difesa di quasi 9 miliardi di dollari nei prossimi cinque anni, compresi i nuovi missili a lungo raggio, poiché ha avvertito l’urgente necessità di aggiornare le armi di fronte a una “grave minaccia” da parte del gigante vicino di casa che é la Cina e che da anni rivendica Taiwan come un proprio territorio.
Parlando in parlamento, Chiu ha affermato che Taiwan deve essere in grado di far sapere alla Cina che può difendersi.
“Lo sviluppo dell’equipaggiamento deve essere a lungo raggio, preciso e mobile, in modo che il nemico possa percepire che siamo preparati non appena dovessero inviare le loro truppe”, ha aggiunto, riferendosi alla capacità missilistica di Taiwan.
In un rapporto scritto al parlamento per accompagnare l’apparizione di Chiu, il ministero ha affermato che sia i missili a medio che a lungo raggio sono stati utilizzati nelle esercitazioni di intercettazione in una struttura di test chiave sulla costa sud-orientale di Taiwan.

Written by Davide Foschi

Leave a Reply

Your email address will not be published.

GIPHY App Key not set. Please check settings

editoriale italiano

Gli inglesi cominciano ad essere infastiditi dagli scaffali vuoti e dalla carenza di carburante

editoriale italiano

Jen Psaki ha chiesto maggiore censura sui social media