in , ,

Il Regno Unito rilascia visti a breve termine per i camionisti che trasportano carburante

editoriale italiano

Il governo del Regno Unito ha adottato misure di emergenza dalla giornata di ieri per cercare di alleviare la grave carenza di carburante in tutto il paese, poiché i rivenditori di benzina hanno chiuso le pompe dopo giorni di panico. Il tutto é finito per ripercuotersi sul commercio, sui trasporti, sui servizi in tutto il paese.
Il primo ministro Boris Johnson aveva già ceduto alle richieste dell’industria di rilasciare 5.000 visti a breve termine ai camionisti, mentre i giornali oggi riferiscono che potrebbe anche rendersi necessario il supporto dell’esercito per risolvere la situazione di crisi.
Il rischio è che una crisi prolungata del carburante danneggi la ripresa post-pandemia, mettendo a dura prova le linee di rifornimento già tese.
La situazione in alcune province é davvero complicata e se non verrà risolta entro poche ore si rischiano serie ripercussioni sull’economia del paese che potrebbe protrarsi persino fino a Natale.
In molti accusano il governo che ha sottovalutato la situazione e tutti sono pronti a confermare che quanto sta accadendo era ampiamente prevedibile e dunque evitabile.
L’atteggiamento Brexit del Regno Unito rischia di minare la stabilità del paese oltre a isolarlo sempre più da tutti gli altri paesi.

Written by andrea montelli

Leave a Reply

Your email address will not be published.

GIPHY App Key not set. Please check settings

editoriale italiano

Con Franziska Giffey, Berlino avrà il suo primo sindaco donna

editoriale italiano

L’uragano Sam diventa osservato speciale dopo che é diventato una tempesta di categoria 4