in ,

Verso la chiusura delle scuole

editoriale italiano

Sembra ormai inevitabile. Gli ultimi rapporti del CTS non lasciano spazio ad interpretazioni alternative. Le scuole devono chiudere e devono farlo il prima possibile. Non si tratta di rivivere la situazione dell’anno scorso, perché quest’anno le nuove varianti sono più veloci, più devastanti e più pericolose per i più giovani, compresi i bimbi delle elementari.
Ecco dunque che nelle prossime ore il governo si interfaccerà con i governatori per aggiornarli sulle nuove proiezioni del comitato scientifico.
Si deve intervenire subito, mettendo in stand-by la scuola almeno per 30/60 giorni, intervenendo nel frattempo a vaccinare il corpo docenti e i collaboratori scolastici in modo da poter riprendere in piena sicurezza e finalmente pensare ad un futuro fatto di normalità.
Tornare alla Dad potrebbe essere pesante per le famiglie italiane, ma dobbiamo farlo, dobbiamo accettarlo. Entro 10 giorni é previsto un picco di contagi ed una situazione che potrebbe anche finire fuori controllo se non si interviene. Meglio mettere al sicuro subito i bambini e i giovani passando poi ad un piano B, fatto di restrizioni totali almeno per 1 mese che possa isolare il virus e bloccarne definitivamente la diffusione. L’alternativa sarebbe un rischio inutile, inspiegabile, impensabile.

Written by Redazione

Leave a Reply

Your email address will not be published.

GIPHY App Key not set. Please check settings

editoriale italiano

Principe saudita ha approvato operazione per uccidere Khashoggi

editoriale italiano

In arrivo il vaccino Johnson & Johnson a singola dose