in ,

Iniziata l’operazione rimpatrio da Wuhan

editoriale italiano

Ha cominciato il Governo australiano, seguito a ruota da quello francese e da quello italiano.
Tutti stanno cercando di rimpatriare le persone “intrappolate” nella zona infetta di Wuhan in Cina.
Si parla di zona infetta perché é stata messa in isolamento mentre il numero di morti sale di giorno in giorno e particolari raccapriccianti vengono a galla sulle tempistiche e i modi di contagio del virus.
Ovviamente si vive nel terrore e gli stranieri presenti nella zona stanno contattando le rispettive ambasciate al fine di organizzare un rientro nel proprio Paese.
Sempre meglio fare i controlli e la quarantena a casa propria che in Cina, soprattutto considerando il modo approssimativo con cui é stata gestita la crisi.
Entro la giornata verrà presentato un piano sanitario d’urgenza a cui tutti i Paesi potranno fare riferimento per il rimpatrio dei propri connazionali.
Nel frattempo i morti accertati sono 42 e oltre 1200 le persone infette e la sensazione é comunque quella che si sia atteso troppo prima di identificare il virus e prima di attuare il piano di emergenza. Se a questo aggiungiamo un tentativo di non rendere troppo seria la notizia da parte delle istituzioni, la permanenza nella zona di Wuhan e non solo é da considerarsi sconsigliabile oggi e sino a che sarà individuato un vaccino in grado di rendere nullo il contagio.

Written by Cinzia Grandi

Leave a Reply

Your email address will not be published.

GIPHY App Key not set. Please check settings

editoriale italiano

Il manoscritto delle streghe, su Sky dal 29 gennaio

editoriale italiano

Il tributo di Alicia Keys a Kobe Bryant ai Grammys