in , ,

Confermata la condanna a morte per Dylann Roof

editoriale italiano

Una corte d’appello federale ha confermato la condanna a morte per Dylann Roof, l’uomo bianco condannato per la sparatoria di massa dei membri neri della chiesa episcopale metodista africana di Emanuel a Charleston, nella Carolina del Sud.
Roof, che oggi ha 27 anni, aveva presentato ricorso contro la sua sentenza alla Corte d’Appello del 4° Circuito degli Stati Uniti, che ha concluso: “Un’attenta analisi di statuti e precedenti non può cancellare l’orrore di ciò che ha fatto Roof. I suoi crimini lo qualificano per la pena più severa che una società giusta può imporre.”
La corte ha raccontato i crimini di Roof, che a 21 anni è entrato nella chiesa della strage il 17 giugno 2015 e si è unito a un gruppo di studio biblico.
“I parrocchiani hanno accolto Roof, consegnandogli una Bibbia e un foglio di studio”, ha detto la corte. “Per i successivi 45 minuti, Roof ha pregato con i parrocchiani. Si sono alzati e hanno chiuso gli occhi per la preghiera di chiusura”.
“Roof a quel punto ha tirato fuori la pistola e ha iniziato a sparare”, ha detto la corte. “I parrocchiani hanno cercato di nascondersi in ogni modo. Roof ha continuato a sparare, ricaricando più volte. Dopo aver sparato circa 74 colpi, Roof ha raggiunto una parrocchiana che stava pregando ad alta voce. Le ha detto ‘zitta’ per poi aggiungere: “Ti lascerò qui a raccontare la storia”, secondo il verbale del tribunale.
Quel giorno Roof uccise nove persone e lo ha fatto consapevole di quello che stava facendo.

Written by Matteo Tinelli

Leave a Reply

Your email address will not be published.

GIPHY App Key not set. Please check settings

editoriale italiano

Oltre 1.000 nuovi casi di covid in Australia

editoriale italiano

A Kabul abbiamo lasciato aperto il portone dell’inferno