in , , ,

Papa Francesco chiede perdono ai nativi americani in Canada

editoriale italiano

Un’interpretazione angosciata dell’inno nazionale canadese da parte di una donna indigena mentre le lacrime le rigavano il viso ha segnato uno dei numerosi momenti emotivi della prima tappa del tour di scuse di Papa Francesco in Canada.
Il momento non programmato ha coronato una cerimonia densa di simbolismo per migliaia di sopravvissuti alle scuole residenziali che si sono seduti in un cupo silenzio mentre Francesco ha detto quanto fosse “profondamente dispiaciuto” per il ruolo della chiesa cattolica nel sistema scolastico del Canada. “È stato molto emozionante. Non lo so. Festeggiamo? È stato potente sentire il leader della Chiesa cattolica chiederci… di perdonarlo”, Maureen Belanger, una sopravvissuta di una scuola residenziale che si trovava sul luogo, ha riferito.
“Allo stesso tempo, non puoi dimenticare tutti gli spiriti che non riposano in pace per gli abusi subiti.”
Il papa ha parlato a circa 2.000 persone radunate intorno a lui in un auditorium circolare all’aperto mentre altre guardavano su grandi schermi a distanza.
Il punto rimane sempre lo stesso da parecchio tempo a questa parte. Ormai le scuse della chiesa cattolica non bastano più. Le atrocità commesse nel passato chiedono giustizia, quella giustizia che ancora oggi quando serve viene invece mascherata dalla stessa chiesa cattolica di fronte a notizie di nuovi abusi. Il tempo delle scuse é terminato, ora deve iniziare il tempo dei fatti.

What do you think?

182 Points
Upvote Downvote

Written by andrea montelli

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

GIPHY App Key not set. Please check settings

editoriale italiano

Biden: “L’America non finirà in recessione”

editoriale italiano

Legislatore repubblicano partecipa alle nozze del figlio gay dopo aver votato contro al matrimonio tra gay 3 giorni prima