in , ,

Amnesty International chiude gli uffici di Hong Kong per rischio rappresaglie

editoriale italiano

Il gruppo per i diritti internazionali Amnesty International ha dichiarato che chiuderà i suoi uffici di Hong Kong perché una legge sulla sicurezza imposta dalla Cina ha reso “effettivamente impossibile” ai gruppi per i diritti di lavorare liberamente senza il rischio di rappresaglie.
Anjhula Mya Singh Bais, presidente del consiglio internazionale di Amnesty, ha dichiarato in un comunicato che i due uffici chiuderanno entro la fine dell’anno, rilevando un’intensificazione della repressione che ha costretto almeno 35 gruppi a sciogliersi per legge quest’anno.
“Questa decisione, presa con il cuore pesante, è stata guidata dalla legge sulla sicurezza nazionale di Hong Kong, che ha reso di fatto impossibile alle organizzazioni per i diritti umani di lavorare liberamente e senza timore di gravi rappresaglie”, ha affermato Singh Bais. “L’ambiente di repressione e di perpetua incertezza creato dalla legge sulla sicurezza nazionale rende impossibile sapere quali attività potrebbero portare a sanzioni penali”, ha aggiunto.
In passato, Hong Kong era stata uno dei principali centri di ONG in Asia, con gruppi attratti dal suo solido stato di diritto e da un’ampia autonomia, garantita per Hong Kong quando il controllo sull’ex colonia britannica è stato restituito a Pechino nel 1997.
Tra i gruppi che si sono sciolti quest’anno ci sono diversi importanti sindacati, ONG e gruppi professionali, mentre un certo numero di altre ONG tra cui la New School for Democracy si sono trasferite nell’isola democratica di Taiwan.

Written by Thomas Longhi

Leave a Reply

Your email address will not be published.

GIPHY App Key not set. Please check settings

editoriale italiano

La responsabile armi sul set di Rust era inadeguata e inesperta

editoriale italiano

L’EMA ha avviato la revisione per il farmaco molnupiravir, antivirale contro il covid per adulti