in , , ,

Vanessa Bryant ha fatto causa alla contea di Los Angeles per le foto scattate subito dopo l’incidente e fatte circolare sui social

editoriale italiano

All’indomani della morte del marito, la vedova di Kobe Bryant ha ricevuto ripetutamente immagini inquietanti attraverso i social media dell’incidente in elicottero che ha ucciso la leggenda dell’NBA, la loro figlia di 13 anni e altre sette persone, secondo una trascrizione della deposizione di Vanessa Bryant nel suo causa contro la contea di Los Angeles.
Le immagini, che sarebbero trapelate dai dipendenti della contea, sono oggetto di una causa federale intentata da Vanessa Bryant lo scorso anno contro la contea e molte delle sue agenzie.
Bryant, la cui causa sostiene l’invasione della privacy, ha affermato nei documenti del tribunale di aver sperimentato “un grave disagio emotivo” che ha aggravato il trauma della perdita del marito e della figlia Gianna. La causa sostiene che i primi soccorritori, compresi i vigili del fuoco e gli agenti dello sceriffo, hanno condiviso le fotografie del corpo di Kobe Bryant con un barista e hanno fatto circolare “foto dei bambini, dei genitori e degli allenatori morti”.
“Niente è paragonabile. Niente è vicino a questo. Ho perso mio marito e mia figlia. È stata la cosa peggiore che si possa immaginare”, ha detto nella deposizione, che è stata registrata in videoconferenza questo mese.
La contea di Los Angeles sta cercando di imporre valutazioni psichiatriche per Vanessa Bryant per determinare se ha veramente sofferto di stress emotivo. Gli avvocati di Bryant sostengono nei documenti del tribunale che gli esami sono un atto “crudele”; la contea sostiene invece che sono “una parte di routine del processo di verifica delle circostanze”.

Leave a Reply

Your email address will not be published.

GIPHY App Key not set. Please check settings

editoriale italiano

Paypal dichiara che non sta acquisendo Pinterest, almeno per ora

editoriale italiano

Tesla annulla la nuova versione di self driving dopo che sono stati riportati falsi avvisi di collisioni e problemi vari