in , ,

Credit Suisse in America dal 7 settembre chiederà ai non vaccinati di lavorare da casa

editoriale italiano

Credit Suisse ha chiesto a tutto il personale non vaccinato negli Stati Uniti di lavorare da casa a partire dal 7 settembre a causa della situazione ancora non sotto controllo nei confronti della pandemia.
Il ritorno completo all’ufficio è stato ritardato fino al 18 ottobre, ha detto l’istituto ai dipendenti statunitensi la scorsa settimana, mentre a quelli senza il vaccino covid19 è stato detto addirittura di rimanere a casa fino a quando non riceveranno la vaccinazione o una nuova guida.
“Con l’aumento dei contagi in tutto il paese per quanto riguarda la variante Delta, continuiamo a incoraggiare fortemente tutto il personale a farsi vaccinare e a tenersi aggiornati sugli ultimi aggiornamenti relativi e requisiti relativi a mascherine e distanziamento fisico nella vostra zona”, ha detto la banca ai dipendenti statunitensi.
“Questo è particolarmente importante dato il più alto tasso di contagio della variante Delta”, hanno affermato.
La diffusione della variante Delta ha spinto alcune aziende di Wall Street a ripensare ai loro piani di back-to-office, mentre le banche statunitensi hanno iniziato a imporre requisiti più rigorosi di maschere e vaccini per il personale, cercando di evitare un acceso dibattito nazionale sui diritti individuali.
Il nuovo mandato vaccinale di Credit Suisse si allinea a quelli di Goldman Sachs, Morgan Stanley e Citigroup, che hanno anche reso obbligatoria la vaccinazione dei dipendenti per l’ingresso negli uffici in tutti gli Stati Uniti.

Written by Marianna Longoni

Leave a Reply

Your email address will not be published.

GIPHY App Key not set. Please check settings

editoriale italiano

Kanye West ha chiesto di cambiare il suo nome in Ye

editoriale italiano

Bimbo sulla cover dell’album Nevermind fa causa ai Nirvana